Come creare password complesse e vivere felici

Facebook, Instagram, Gmail, e-mail, home-banking, social network … in un’epoca in cui siamo sempre più collegati alla rete e i servizi web sono diventati indispensabili per lavorare, divertirsi, socializzare, fare shopping e qualiasi altra cosa qualcuno si possa inventare, la creazione di password complesse e sicure è la prima misura di sicurezza tra noi e il male.

Il tempo delle password 1234, pippo, ciao, amore è finito da un pezzo. Se mentre leggi stai pensando “ma quella è la mia password!” allora è il caso di cambiarla. In questo articolo ti spiegherò come creare una password complessa ma facile da memorizzare e che non crei problemi di compatibilità tra sistemi diversi.

Dunque … partiamo dal principio … verifichiamo quanto ci possa mettere un hacker o un malintenzionato a scoprire la nostra password. Ci sono molti siti web che possono effettuare un testi di sicurezza password. Quello che ho trovato più carino è questo howsecureismypassword.net

Ho provato ad effettuare un testo con una password semplicissima ma purtroppo molto diffusa … “1234”. Ecco il risultato! Password decifrata instantaneamente d un malintenzionato …

Password1234

Ma allora? Come scegliere una buona password?

Evitare di usare:

  • Il proprio nome, cognome o quello di parenti (fidanzate e animali compresi). Sarebbe opportuno evitare nomi in generale!
  • Il nome del sistema operativo che utlizziamo.
  • L’hostname del proprio computer.
  • Numeri di telefono, targhe e codice fiscale/sanitario.
  • Qualsiasi data di compleanno.
  • Qualsiasi informazione personale che può essere facilmente reperita.
  • Parole di uso comune.
  • Parole “normali” presenti nei vocabolari.
  • Password del tipo “aaaaaaaa”, “1111111”.
  • Sequenze comuni di lettere della tastiera (esempio: qwerty, asdfg, 12345, ecc.)

Usare invece:

  • Nella stessa password sia lettere maiuscole che lettere minuscole.
  • Avere numeri e caratteri di punteggiatura insieme alle lettere.
  • Usate una logica per ricordarle così da evitare di appuntarle su foglietti vari (magari sostituendo in una parola la lettera “e” con il numero “3”.
  • Essere lunga almeno 8 caratteri.

Un consiglio che posso dare per la scelta dei caratteri nella password è quella di usare solo quelli del dizionario UnicodeLatino Base

Caratteri Latino Base

Evitate le lettere accentate come la “é”, la “à”, ecc presenti sulle tastiere perchè potrebbero generare incompatiilità e non essere accettate da molti sistemi.

Ed ora, seguento i consigli che ho citato sopra, ho creato questa password. Efficace e di semplice memorizzazione:

.S3mp10ne#

… ed il test di sicurezza mi da ragione! Ben 526 anni per decifrarla.

Password Sempione

Per finire. Complichiamoci la vita!

Per una maggiore sicurezza “sarebbe”, e lo metto tra virgolette perche non lo faccio nemmeno io, opportuno usare una password diversa per ogni cosa
… o per lo meno dove è richiesta maggiore sicurezza e riservatezza. In questo modo in caso di compromissione di una password su un sito web il resto dei nostri dati può dormire comunque sogni tranquilli …

3 commenti su “Come creare password complesse e vivere felici”

  1. Usando un’utility Unix che si chiama apg ho generato questa password: keikphirpUj2. Apparentemente è più semplice della tua, ma il sito che citi mi da un tempo per il cracking di 25 mila anni! 🙂

    Rispondi
    • Molto molto bene. Non sono un esperto del mondo Unix ma proverò quel tool.
      Il concetto della creazione delle password secondo me è di usare un criterio che ti permetta di ricordarle facilmente. Poi tutto va bene.

      Rispondi
      • La tua ultima considerazione, quella di usare pw diverse, secondo me è fondamentale. Purtroppo anche i siti grandi e famosi periodicamente hanno dei leak, per cui il riuso non è un’opzione. Però le pw efficaci sono difficili da ricordare, per cui almeno io me le segno. L’importante è non affidarsi a servizi cloud, altrimenti sei punto e a capo. Self-hosted alla ownCloud però va bene 😉

        Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.